Trucco semipermanente sopracciglia sbiadito

Trucco semipermanente sopracciglia sbiadito : che possiamo fare quando diventa sbiadito il nostro trucco semipermanente?

Trucco semipermanente sopracciglia sbiadito

Per avere delle sopracciglia curatissime e in assoluta simmetria con il volto,è necessario ricorrere senza dubbio, al trucco semipermanente.

Come dice il termine stesso, un trattamento “semipermanente“, la durata non è senza limiti, e la sparizione e scolorimento avviene mediante il ricambio cellulare che essendo soggettivo rende difficile quantificare la durata del trattamento stesso.

Tuttavia, per averle sempre perfette è fondamentale eseguire un ritocco ogni 12 mesi, poiché conserva nel tempo il grande lavoro realizzato nella prima seduta e mantiene sempre luminoso il colore e precise le linee.

Quindi più passa il tempo, più il trucco permanente alle sopracciglia sbiadisce. Esistono dei fattori soggettivi ed ambientali che incidono sulla loro tenuta. Tra questi :

  • il tipo di pelle: ovvero la pelle molto grassa tende a fissare meno il pigmento, come anche la pelle molto secca, perché si desquama con semplicità, è più soggetta a rimuovere più rapidamente il colore;
  •  alcuni trattamenti cosmetici: ad esempio esfoliazioni o pulizie profonde del viso, velocizzando il rinnovamento dell’epidermide, fanno scolorire prima il colore;
  •  l’attività sportiva: per chi pratica nuoto ed è a contatto spesso con il cloro avrà una durata inferiore nel tempo, per chi suda parecchio o per coloro che si sottopongono spesso a saune o bagni turchi, accelerando il ricambio cellulare, avrà una tenuta inferiore;
  • esposizione al sole: un’estesa esposizione al sole oppure a lampade abbronzanti ( senza la giusta protezione) tendono ad inscurire il pigmento immesso nella pelle.

Quindi, come per tutte le cose, un’adeguata cura, fa in modo che la durata nel tempo del risultato sia più rilevante.

Il momento del ritocco trucco permanente

Trucco semipermanente sopracciglia sbiadito
Trucco semipermanente sopracciglia sbiadito

Chi preferirà di conservare inalterata la bella forma e la colorazione dovrà asservirsi al ritocco annuale, per le altre accadrà una depigmentazione naturale in pochi anni.

Ritocco dopo 8-10 mesi: passato questo periodo, il paziente necessita di un ritocco del colore per mantenerlo in perfetto stato; questa” manutenzione” si crea comunemente per tutti i trattamenti delicati e naturali.

Ritocco dopo 12-18 mesi: è il limite massimo di tempo per attuare il ritocco; aspettare di più significherebbe dover conseguire di nuovo da capo tutto il trattamento.

In seguito a tale periodo si può notare una perdita d’intensità e di uniformità del colore, o una leggera degradazione del pigmento. Nei casi in cui l’area trattata non sia stata protetta dal sole in modo adeguato, si può osservare una perdita notevole del colore o non omogenea.

About Mauro Madonna

Mauro Madonna è un grande esperto nel posizionare i siti web sui motori di ricerca,questa tecnica è chiamata SEO. Collabora con molti professionisti di Trucco permanente e tatuaggio. Vuoi aumentare le tue vendite nel trucco permanente? Chiamami 3398993565

6 comments

  1. Salve, ho eseguito a gennaio di quest’anno anno
    Un trattamento di microblading alle sopracciglia perché le avevo da sempre quasi tutte diradate, fatto sta che dopo soli 7 mesi il tatuaggio è quasi sparito ed è rimasto un alone rosso su tutta l’arcata.
    Mi hanno sconsigliato di rifarlo poiché ho una pelle molto grassa.
    La mia domanda è la seguente: questo rossore sparirà oppure no? Grazie mille

    • Buon giorno Raffaele, a distanza di circa 7 mesi può essere comprensibile che il trattamento stia andando a scomparire, la durata è molto soggettiva e dipende da diversi fattori. Senz’altro una pelle grassa, seborroica o con pori dilatati comporta una durata inferiore del trattamento.

      L’alone rossastro che vede in parte può essere normale e prevedibile in quanto il colore rosso presente all’interno del pigmento da sopracciglia sarà il penultimo ad essere fagocitato dai macrofagi presenti all’interno della pelle.

      Un alone rosso eccessivamente evidente può però essere dovuto ad una scelta cromatica errata da parte dell’operatore che potrebbe aver scelto un colore eccessivamente “caldo”(con maggiore presenza di pigmento rosso) che in una pelle grassa quindi già particolarmente reattiva e infiammata porta ad un maggiore rossore a guarigione ultimata.

      In risposta alla sua domanda, trattandosi di pigmenti riassorbibili, il rossore che vede andrà gradualmente a sparire nel corso del tempo. È però difficile stabilire quanto tempo sarà necessario per la completa eliminazione da parte della pelle.

      Le soluzioni possibili sono quelle di attendere pazientemente fino a che la pelle elimini in maniera naturale il pigmento oppure valutare una rimozione laser con un medico estetico oppure valutare un trattamento di copertura andando a neutralizzare il colore rosso.
      Chiara Garofalo Trucco permanente e Microblading Vicenza

  2. Buonasera,
    Avrei bisogno di un suo parere. Nel 2018 ho effettuato il microblading alle sopracciglia (inchiostri CLINITA) e ne sono rimasta molto soddisfatta così quest’anno ho ripetuto l’intervento dallo stesso professionista. Questa volta ha usato il dermografo. Non so se è il cambio di tecnica o cos’altro ma diversamente dallo scorso anno il tatuaggio, dopo 7 mesi, è degradato sbiadendo, sì, ma con un viraggio di colore: alcuni peletti tratteggiati sono diventati tipo color ruggine e c’è un effetto alone lungo l’arcata al di sotto dei miei peli naturali. È normale che accada dopo 7 mesi è quindi è solo dovuto al fatto che il mio tatuaggio necessita di un ritocco oppure qualcosa non va (ho la pelle grassa e oleosa)? Posso stare tranquilla sul fatto che se non volessi fare il ritocco il tatuaggio scomparirà da solo?

    • Salve Paola, ci sono diverse cose da Dire:
      1)Il cambio di trattamento da Microblading a Dermografo comporta anche una diversa reazione della pelle in termini di resa e durata, è possibile che lei noti questa diversa durata e resa per la sua particolare pelle sia, magari più adatta al microblading.
      2)Diversi pigmenti, il suo professionista potrebbe aver nel frattempo cambiato marca di pigmenti e questo potrebbe aver un diverso effetto sulla sua pelle.
      3)Pigmenti per microblading e trucco permanente, anche se della stessa marca sono diversi per struttura, potrebbero aver resa diversa.
      4)Ogni 6 mesi si consiglia il ritocco per avere una resa ottimale.
      Concludendo, cambiare tecnica comporta sempre un diverso risultato, è necessario stare sempre attenti che gli operatori non utilizzino pigmenti con elementi minerali.
      Se il suo dermopigmentista ha utilizzato pigmenti bioriassorbibili il tatuaggio scomparirà con il passare del tempo senza problemi.

  3. Buonasera, vorrei sapere se e’ possibile un forte sbiadimento del colore delle sopracciglia dopo neanche 10 GG dall’ essermi sottoposta alla seduta di microblading. L estetista si giustifica dicendo che può succedere quando la carnagione e’ olivastra ..premetto che non sono olivastra, ho una carnagione medio scura. Grazie in anticipo per la risposta

    • Ciao Fara!Si, di solito uno sbiadimento del pigmento è normale, però bisognerebbe vedere di quanto è sbiadito. Il discorso della pelle è relativo, influisce certamente ma anche lì è necessario valutare e capire se è stato utilizzato il pigmento adatto alla tua pelle.
      Se hai bisogno di approfondimenti facci sapere…possiamo consigliare degli ottimi professionisti che possono valutare.

Rispondi a Mauro Madonna Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *